Approfondimenti e FAQ

faq
I “livelli” del lavoro domestico “B, BS e CS”

Ci soffermeremo sui tre livelli di inquadramento più utilizzati:

B  Appartengono a questo livello i collaboratori familiari che, in possesso della necessaria esperienza, svolgono con specifica competenza le proprie mansioni, ancorché a livello esecutivo: è il caso della ColF, della signora che ci aiuta in casa per le pulizie, lo stiro ecc.

BS Assistente a persone autosufficienti. Svolge mansioni di assistenza a persone (anziani o bambini) autosufficienti, ivi comprese, se richieste, le attività connesse alle esigenze del vitto e della pulizia della casa ove vivono gli assistiti”.
Al livello BS quindi vanno inquadrati tutti lavoratori che assistono persone autosufficienti, quali anziani o bambini.

CS Assistente a persone non autosufficienti (non formato). Svolge mansioni di assistenza a persone non autosufficienti, ivi comprese, se richieste, le attività connesse alle esigenze del vitto e della pulizia della casa ove vivono gli assistiti.”

Leggi di più

A chi devo comunicare l’assunzione della badante?
La legge stabilisce che chiunque dia ospitalità a titolo gratuito presso la propria abitazione a un cittadino italiano, comunitario o extracomunitario, deve comunicare la cessione di fabbricato alla QUESTURA utilizzando il modulo ufficiale.

Se si tratta di cittadini italiani o comunitari, la comunicazione deve effettuarsi solo se il soggiorno supera i 30 giorni.
In caso di cittadini extracomunitari va fatta sempre, indipendentemente dalla durata del soggiorno.

In entrambi i casi la comunicazione deve esser effettuata, entro 48 ore dalla messa a disposizione dell’alloggio.

Ai sensi della Legge sulla Semplificazione però, questa comunicazione non è richiesta se il datore di lavoro registra un accordo scritto di comodato ad uso gratuito presso l’Agenzia delle Entrate, ma solo nel caso in cui il convivente sia cittadino italiano o comunitario.

Nel caso in cui il lavoratore sia un cittadino extracomunitario, il datore di lavoro deve fare sia la cessione di fabbricatosia la dichiarazione di ospitalità (ormai tutto in un unico modello).

La cessione del fabbricato fatta in favore di cittadino extracomunitario consente peraltro a quest’ultimo di avere un documento che dimostri la disponibilità di un alloggio ai fini del rilascio o del rinnovo del permesso di soggiorno.

In caso di omessa o tardiva comunicazione è prevista una MULTA di € 206.00

Che cos’è il CCNL Per il lavoro domestico?

Il Contratto Collettivo Nazionale per il Lavoro Domestico è l’UNICO contratto “standard” previsto per l’assunzione di un collaboratore domestico o un’assistente familiare di cura (badante). Unica altra forma LEGALE di regolarizzarne l’assunzione è quella di affidarsi ad una agenzia per il Lavoro autorizzata dal Ministero. In caso di agenzia con sede legale in un paese membro dell’Unione europea, questa deve “pagare le tasse” nel paese sul cui suolo il lavoratore presta la sua opera.
Con il D.LGS. N. 81/2015: RIORDINO DEI CONTRATTI DI LAVORO il legislatore ha stabilito all’art. 1. che “Il contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato costituisce la forma comune di rapporto di lavoro” e si applica a tutte le “…prestazioni di lavoro esclusivamente personali, continuative e le cui modalità di esecuzione sono organizzate dal committente anche con riferimento ai tempi e al luogo di lavoro”.

Leggi di più

A Colf e Badanti spetta il Bonus Fiscale di 80 euro?
Il bonus fiscale di 80 euro spetta anche ai “lavoratori senza sostituto d’imposta” (e anche a chi ha lavorato nella prima parte dell’anno, il cui rapporto di lavoro si è concluso prima del mese di maggio). In questi casi, dovrà essere richiesto nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo di imposta 2014 (cioè a maggio 2015, chi ha lavorato per tutto il 2014, potrà richiedere il bonus “cumulativo” di circa 960 euro) il contribuente potrà anche decidere se utilizzarlo in compensazione delle imposte da pagare o chiederne il rimborso.
Cosa fare se la badante rifiuta la lettera di licenziamento?

Con una sentenza del 25 marzo 2013, n. 7390, la Corte di Cassazione si è pronunziata sul rifiuto di un dipendente di ricevere la lettera di licenziamento.

Il caso era quello di un lavoratore di lingua straniera, licenziato in tronco per assenza ingiustificata. Il datore di lavoro aveva provato tempestivamente a consegnare la lettera di licenziamento al lavoratore; ma quest’ultimo, dopo averne appreso il contenuto (tradotto da un connazionale), si era rifiutato di ricevere la lettera.

Leggi di più

Come faccio a capire se l’agenzia che mi propone una badante è regolare?

Prima di rispondere, premettiamo che quanto di seguito esposto, pur riportando elementi oggettivi indicati dalla normativa vigente, contiene alcune “sottolineature personali” che non possono avere valore di legge.

Leggi di più

Quanti giorni di riposo ha la badante?

La durata normale dell’orario di lavoro è quella concordata fra le parti fino ad un massimo di:

10 ore giornaliere, non consecutive, per un totale di 54 ore settimanali, per i lavoratori conviventi
8 ore giornaliere, non consecutive, per un totale di 40 ore settimanali, distribuite su 5 giorni oppure su 6 giorni, per i lavoratori non conviventi.

Leggi di più

Approfondimenti

A Colf e Badanti spetta il Bonus Fiscale di 80 euro?

Il bonus fiscale di 80 euro spetta anche ai “lavoratori senza sostituto d’imposta” (e anche a chi ha lavorato nella prima parte dell’anno, il cui rapporto di lavoro si è concluso prima del mese di maggio). In questi casi, dovrà essere richiesto nella dichiarazione dei...

leggi tutto

Che cos’è il CCNL Per il lavoro domestico?!

Il Contratto Collettivo Nazionale per il Lavoro Domestico è l’UNICO contratto “standard” previsto per l’assunzione di un collaboratore domestico o un’assistente familiare di cura (badante). Unica altra forma LEGALE di regolarizzarne l’assunzione è quella di affidarsi...

leggi tutto

…Ma il contratto a progetto è legale?!

Con le circolari n° 29/2012 e n° 7/2013 la Direzione Generale per l’attività ispettiva del Ministero del Lavoro, ha fugato ogni dubbio! Il lavoro a progetto NON È APPLICABILE IN AMBITO SOCIO ASSISTENZIALE. Già con con prot. n. 25/I/0017286, in data 3 dicembre 2008,...

leggi tutto

Cosa rischio se tengo la badante “in nero”

Innanzitutto una pesante multa (da 1.000 a 8.000 euro per lavoratore, cui si aggiungono 30 euro per ogni giornata di lavoro irregolare). Ma non basta: ci sono anche le sanzioni comminate dall’INPS, che derivano da tre illeciti distinti. La prima multa dipende dal...

leggi tutto